Team
  Storia
  Store
  Photo Gallery
  Campioni
  Area Download
  Sponsor
  Press Room
  Archivio News
  Contatto
  Kid's Room
NEWS
 
  NEWS
 
 

Ivan Quranta rompe il ghiaccio: primo successo stagionale per Amore & Vita – McDonald’s alla Settimana Lombarda.
La Settimana Lombarda si conferma ancora una volta gara portafortuna per i colori di Amore & Vita – McDonald’s.
Dopo il successo di Graziano Gasparre nella passata edizione, è stato il turno questa volta del velocista Ivan Quaranta.
Il Ghepardo torna così al successo dopo tre anni di digiuno, e lo fa in maniera incredibile dominando lo sprint della quarta tappa Brignano – Brignano di 176 km. Alle sue spalle sono giunti i velocisti più in forma del momento, Danilo Napolitano della Lampre – Fondital e Mattia Gavazzi, ex Amore & Vita – McDonald’s (già vincitore quest’anno di ben cinque gare).
Questo successo, il 38 in carriera, ha un valore ed un significato particolare per il 32enne cremasco ex maglia rosa e vincitore di sei tappe al Giro d’Italia, intanto perché arriva dopo un lungo periodo difficile, dove tutti l’avevano letteralmente abbandonato perché ritenuto ‘finito’, e poi perché su questo traguardo aveva colto tre anni fa proprio la sua ultima vittoria.
“Dedico questo successo mia moglie e mio figlio – commenta Quaranta subito dopo aver tagliato il traguardo – sono venuti a vedermi e non li ho delusi. Questa vittoria è per loro e per tutta la famiglia Fanini, soprattutto per il mio manager Cristian che tra pochi giorni diventerà padre. Spero di avergli fatto proprio un bel regalo”. E aggiunge: “senza di loro oggi forse sarei stato a casa, a guardare questa corsa in televisione. Invece sono qui, ancora una volta sul gradino più alto del podio. Tutto questo grazie ad Ivano e Cristian che hanno creduto in me e saputo darmi quelle motivazioni che mi sono mancate negli ultimi anni.
Ho vinto molte corse in carriera, quella del Giro in cui indossai la maglia rosa non la dimenticherò mai, ma questa ha veramente un valore speciale, è una grandissima rivincita. Adesso mi sento come un ragazzino alla prima vittoria, è una sensazione incredibile.
E’ l’inizio di un nuovo capitolo della mia vita e della mia carriera e non intendo fermarmi. Vedrete cosa sarò capace di fare quest’anno con questa maglia” conclude.
Ed è altrettanto grande la soddisfazione di patron Ivano Fanini che in questo ragazzo ha sempre creduto tanto da creare quest’anno un team improntato quasi interamente attorno a lui.
“E una felicità immensa – commenta a caldo Fanini – arriva in un momento determinante della stagione e ci da la carica e gli stimoli giusti per guardare ai prossimi appuntamenti con grande ottimismo. Io, mio figlio e tutto l’entourage del team ci abbiamo sempre creduto, per noi Ivan non è mai stato finito, ci abbiamo scommesso senza esitazione, anche quando tutti ci criticavano. Oggi ha dimostrato a tutto il mondo del ciclismo di essere tornato quello di un tempo, quello che strapazzava Cipollini quando (Cipollini) era ancora il numero uno. Adesso i momenti difficili sono acqua passata, c’è voluto un po’ di tempo ma finalmente il Ghepardo è tornato a ruggire. Ha battuto due dei velocisti più forti del mondo e lo ha fatto al 50% della condizione – aggiunge Fanini – vedrete cosa sarà capace di fare quando sarà al top. Sono pronto a scommettere che si ripeterà presto e sarà in grado di battere anche i vari Petacchi, Bennati e Boonen, perché un Quaranta in piena forma in volata non ha rivali, è il numero uno del mondo. Essere riusciti a rilanciarlo dopo tutto ciò che ha passato è la soddisfazione più grande” conclude Fanini.
Un plauso va soprattutto al d.s. Roberto Pelliconi che negli ultimi mesi ha lavorato moltissimo per i suoi ragazzi, soprattutto per Ivan Quaranta. Lo ha allenato, spronato nel modo giusto ed aiutato a superare la delusione di Donoratico, dove Quaranta puntava al successo ma messo k.o. da una gastroenterite la notte prima della gara era stato costretto al ritiro.
“Con noi Ivan ha ritrovato quella serenità che nei grandi team (dove sei sempre sotto pressione) gli era mancata – esclama Pelliconi - grazie a questo ha riscoperto la voglia di ritornare quel campione che dominava le volate e oggi siamo tutti a gioire insieme a lui.
Con questo successo abbiamo messo a tacere molte persone – prosegue il d.s. romagnolo – soprattutto quelle che dopo la delusione del G.P. Costa degli Etruschi già ci criticavano e lanciavano battutine allusive. Oggi questa gente sa che Amore & Vita – McDonald’s c’è, ed è pronta a dare battaglia, non solo con Quaranta”.

    TORNA ALL'ARCHIVIO NEWS
 
 
 
 
P.iva 02254630466
 
Torna alla Home Page