Team
  Storia
  Store
  Photo Gallery
  Campioni
  Area Download
  Sponsor
  Press Room
  Archivio News
  Contatto
  Kid's Room
NEWS
 
  NEWS
 
 

Continua la doppia attività in casa Amore & Vita – McDonald’s.
Dopo le ottime prestazioni ottenute al Giro del Trentino, al Tour de Bretagne, ed al Tour de Vendèe, anche in questo week-end il team Amore & Vita – McDonald’s competerà su due fronti. Una parte, capitanata dal vincitore del Giro d’Oro, Dainius Kairelis e da Graziano Gasparre, prenderà parte sulle strade aretine al Giro di Toscana, mentre, l’altra formazione guidata da Ivan Quaranta e diretta in ammiraglia da Roberto Pelliconi, volerà in Polonia, dove disputerà uno dei giri a tappe più prestigiosi dell’est Europa, il Tour Baltik – Karkanosch.
A dare battaglia al Giro di Toscana, gara molto sentita da patron Fanini, oltre al campione lituano e all’ex campione europeo, ci saranno il moldavo Ruslan Ivanov, il rumeno Marius Stoica, lo spagnolo Josè Carballo, il lituano Romas Sinicinas ed i fratelli svedesi Christofer e Michael Stevenson. Da segnalare che quest’ultimo, il più giovane dei fratelli Stevenson, sta attraversando al pari di Kairelis, Gasparre ed Ivanov un ottimo periodo di forma come dimostrato in Trentino dove ha indossato la maglia della classifica di miglior giovane.
In Polonia invece la formazione sarà composta per lo più dagli atleti polacchi di Amore & Vita – McDonald’s che ci tengono a fare bene sulle strade di casa.
Quindi, eccezion fatta per il duo russo formato da Kovalev e Bauer, e per Ivan Quaranta - che tenterà di ritrovare il successo proprio su queste strade – correranno i fratelli Seweryn e Slawomir Kohut, Slawomir Bury, Lukasz Goralewski ed Artur Krol.
In casa Fanini non si nasconde l’ottimismo di portare a casa almeno un risultato importante, i tecnici sembrano soddisfatti degli ultimi risultati, così come lo è il team manager Cristian Fanini che esclama: “dopo la vittoria di Kairelis al Giro d’Oro c’è stata una serie incredibile di risultati importanti. Siamo andati al Giro del Trentino con la consapevolezza di avere un uomo come Kairelis che poteva giocarsi la vittoria finale al pari di Cunego, Garzelli e Scarponi. Purtroppo una brutta caduta negli ultimi km della prima tappa, proprio quando si stava preparando per lo sprint, lo ha costretto al ritiro. Nonostante la sfortuna ci abbia fatto perdere il nostro uomo di punta, il resto del team non si è fatto attendere e con Ivanov e Michael Stevenson abbiamo ottenuto ottimi risultati”.
E prosegue: “Lo stesso abbiamo ottenuto in Francia, dove un Graziano Gasparre finalmente al top in sei tappe non è mai uscito dai primi 10 (ha ottenuto ben tre quarti posti, un terzo, un sesto ed un decimo) e avrebbe potuto vincere l’ultima frazione se non avesse rotto il telaio a 500 metri dall’arrivo. Sono quindi più che soddisfatto di tutti i miei atleti, eccezion fatta per Marius Stoica che ha dimostrato di non essere ancora all’altezza delle nostre aspettative.
Adesso guardiamo a questi appuntamenti speranzosi di portare a casa almeno una vittoria. So che in Polonia ci potremmo riuscire, considerata la condizione di Quaranta, tuttavia il mio sogno sarebbe quello di vincere il Toscana, una manifestazione molto particolare per mio padre. Non sarà facile, questo è chiaro, ma i nostri atleti hanno dimostrato di poter competere ad armi pari con i più forti. Quindi saremo al via senza temere nessuno, i presupposti per portare a casa qualcosa di importante ci sono, quindi staremo a vedere” conclude Fanini.

    TORNA ALL'ARCHIVIO NEWS
 
 
 
 
P.iva 02254630466
 
Torna alla Home Page