Team
  Storia
  Store
  Photo Gallery
  Campioni
  Area Download
  Sponsor
  Press Room
  Archivio News
  Contatto
  Kid's Room
NEWS
 
  NEWS
 
 

Dopo la delusione dello scorso week – end ai campionati nazionali, riparte l’avventura agonistica di Amore & Vita – McDonald’s. Ancora un doppio appuntamento per il team diretto da Roberto Pelliconi, una selezione è volata infatti in Polonia, a Kracovia, in cerca di gloria sulle strade del Tour Solidarnosh, mentre un’altra parte di atleti correrà in Italia il Giro del Medio Brenta.
Le tappe in programma nella terra del compianto Santo Padre tanto amato dal team, saranno in tutto cinque e gli atleti selezionati saranno, oltre a Graziano Gasparre, i polacchi Seweryn e Slawomir Kohut, Artur Krol, Lukasz Goralewski e Slawomir Bury. Al Giro del Medio Brenta invece, il team sarà capitanato dall’ex campione lituano su strada Dainius Kairelis, in cerca di rivincita dopo la beffa del Campionato nazionale, dove Kairelis è giunto sul gradino più basso del podio. Gli altri corridori impegnati in questa classica veneta saranno Ruslan Ivanon, Romas Sinicinas, Ivan Quaranta, Marius Stoica e i fratelli Christofer e Michael Stevenson. Sull’ammiraglia ci saranno i d.s. Maurizio Giorgini e Pierino Gavazzi.
“Proveremo a cercare qualche risultato di prestigio – spiega il Team Manager Cristian Fanini – non voglio sbilanciarmi ma sono ottimista. Le delusioni di domenica scorsa bruciano ancora – prosegue Fanini – potevamo fare incetta di titoli nazionali ed invece, a causa della sfortuna, siamo tornati a casa con un pugno di mosche. Sicuramente ciò che brucia di più è aver perso l’occasione di giocarci la maglia tricolore con Graziano Gasparre, il quale è partito con forse la condizione atletica migliore della sua carriera ed è stato perfetto per 230 km. Purtroppo quando già pregustavamo un suo attacco nel finale, una bruttissima caduta l’ha costretto al ritiro (a soli 2 giri dalla fine). Senza poi contare che Kairelis (3° classificato) ha corso in maniera pessima, buttando al vento una gara praticamente già vinta. Se a tutto questo aggiungiamo poi i quarti posti di Stevenson in Svezia, di Stoica in Romania e l’undicesimo di Kohut in Polonia si può comprendere perché siamo così tanto amareggiati.
Nella sfortuna comunque cerchiamo di trovare qualcosa di positivo, se si considera la drammaticità della caduta di Gasparre c’era veramente da mettersi le mani nei capelli. Poteva dire addio alla stagione, ed invece, contusioni a parte, sembra che sia tutto a posto ed adesso è in Polonia determinatissimo e pronto a cogliere il suo primo successo stagionale così tanto inseguito”.
Da segnalare che i russi Kovale e Bauer saranno nei prossimi giorni impegnati su pista nel Campionato Europeo.

    TORNA ALL'ARCHIVIO NEWS
 
 
 
 
P.iva 02254630466
 
Torna alla Home Page