Team
  Storia
  Store
  Photo Gallery
  Campioni
  Area Download
  Sponsor
  Press Room
  Archivio News
  Contatto
  Kid's Room
NEWS
 
  NEWS
 
 

Continuano i preparativi di Amore & Vita – McDonald’s per l’avventura sportiva (all’insegna della lotta al doping) denominata “Giro nel Giro”.
Gli ostacoli da superare per mettere insieme tutti i tasselli nel miglior modo possibile sono molti, tuttavia il management del team, affiancato dal coordinatore dell’evento Enrico Polo e dallo sponsor finanziatore di tutto il progetto, Rigoni di Asiago, sono molto fiduciosi affinché tutto possa realizzarsi già da quest’anno, ed essere il 9 Maggio al via da Venezia anticipando di 5 ore la carovana rosa.
La televisione americana A&E ha confermato il proprio impegno, sarà quindi presente al seguito di tutte le tappe con una troupe che filmerà gli atleti 24 ore su 24, come già successo alcune settimane fa durante il ritiro ed il Giro della Provincia di Grosseto. I filmati andranno poi in onda in America nel corso dello show Intervention. Occhi puntati sullo statunitense Chad Gerlach, che tornato alle corse dopo 5 anni vissuti da senza tetto e tossico dipendente, ha dimostrato di essere competitivo nonostante il suo ematocrito sia soltanto a 36.  
Gerlach sarà uno dei protagonisti del “Giro nel Giro” assieme a tutto il team, che nonostante i molteplici impegni agonistici di questi giorni, sta svolgendo già una preparazione accurata per questo evento.
A questo proposito c’è da segnalare che alcuni centri medici sportivi si sono già mossi e hanno contattato il team per mettere a disposizione degli atleti un equipe di medici che seguirebbero interamente e gratuitamente questo particolare giro di Amore & Vita, monitorando costantemente le performance dei corridori con tanto di test antidoping giornalieri che verrebbero poi messi on-line in tempo reale sul sito della squadra, insieme ai video della tappa svolta dal team. Inoltre, anche molti giornalisti si sono fatti avanti per conoscere tutti i dettagli del programma e sono interessati a seguire giorno per giorno il team.

“Ci stiamo preparando ed organizzando al meglio – spiega il Presidente Ivano Fanini -  siamo in contatto anche con l’RCS perché la nostra non vuole essere una manifestazione che danneggi il Giro del Centenario, bensì, un’iniziativa parallela che dimostri che si può correre anche senza doping e con il solo supporto di alimenti e prodotti 100% biologici. Non vogliamo screditare le performance degli atleti che correranno il vero Giro, vogliamo soltanto capire e rendere pubblico agli occhi della gente quali sono i reali tempi e valori – sempre con le dovute proporzioni tra i nostri corridori ed i campioni che si giocheranno la vittoria – di atleti che corrono senza l’uso del doping.
I nostri corridori infatti gareggiano puliti e lo vogliamo dimostrare. Spero quindi di trovare la collaborazione degli organizzatori anche se oggettivamente so che sarà molto dura. Zomegnan infatti da amico personale quale era 25 anni, tanto che mi portò da un suo amico (Maggi) che all’epoca diventò mio sponsor (avevo in squadra Franco Chioccioli con il quale vincemmo una tappa al Giro) ma poi si rivelò insolvente e da lì si incrinò il nostro rapporto. La mia speranza tuttavia è che il suo “capo”, il Dr Perricone possa sbloccare la situazione”.
E aggiunge: “ultimamente, dopo il Giro di Grosseto e quello di Sardegna, ho ricevuto i complimenti anche da alcuni ‘addetti ai lavori’ e questo mi ha fatto molto piacere. Soprattutto un noto direttore sportivo mi ha contattato dicendo che apprezza quello che faccio e che i miei atleti meritano un plauso per le loro performance ‘a pane e acqua’. Loro infatti vanno spesso all’attacco e cercano di mettersi in luce, tuttavia faticano a recuperare, specialmente nelle corse a tappe (e quelle che facciamo noi sono di 5/6 tappe, figuriamoci quindi in 22 tappe). D’altro canto ci sono anche altri che ci criticano ma questo è normale, ce lo aspettavamo. Sicuramente non ci fermeremo di fronte alle chiacchiere. Spero soltanto che l’RCS appoggi questa nostra iniziativa e ci permetta di percorrere le tappe del Giro, visto che partendo 5 ore prima rispetto alla tabella di marcia ufficiale, non saremmo di nessun intralcio a nessuno”.  

    TORNA ALL'ARCHIVIO NEWS
 
 
 
 
P.iva 02254630466
 
Torna alla Home Page