Team
  Storia
  Store
  Photo Gallery
  Campioni
  Area Download
  Sponsor
  Press Room
  Archivio News
  Contatto
  Kid's Room
NEWS
 
  NEWS
 
 

Amore & Vita – Conad: da domenica di nuovo in ritiro in previsione del Trofeo Laigueglia.

Archiviato con un pizzico di amarezza il Giro della Provincia di Reggio Calabria anche se si è portato a casa la classifica finale dei traguardi volanti con l’ucraino Grechyn (nella foto durante la premiazione), il team diretto da Roberto Gaggioli e Maurizio Giorgini si riunirà nuovamente in ritiro da questo fine settimana a Lido di Camaiore in previsione del prossimo appuntamento sulla riviera ligure di Laigueglia.
“Ci aspettano 10 giorni di duro ed intenso lavoro a prescindere dalle condizioni climatiche che incontreremo. Devo ammettere che c’è sempre molto da lavorare, soprattutto per alcuni atleti, quindi considerato che la nostra prossima corsa si disputerà tra quindici giorni, ho pensato che fosse indispensabile riunirci ancora per fare il punto della situazione e soprattutto per effettuare delle specifiche sedute di allenamento con simulazioni di corsa. Saremo tutti, eccezion fatta per uno dei nostri uomini più importanti, il messicano Colex che è appena diventato padre e quindi volerà in Italia il 16 febbraio per poi debuttare al Trofeo Laigueglia”.
Anche il team manager Cristian Fanini, che in questi giorni ha chiuso un accordo con un nuovo sponsor, conferma le parole del D.S. Gaggioli: “innanzi tutto voglio ufficializzare l’ingresso di un nuovo sponsor con cui in questi giorni abbiamo concluso un accordo biennale grazie soprattutto alla collaborazione di Antonello Mattia, patron di Dynatek bikes. Si tratta della prestigiosa azienda BIS, produttrice di parti in carbonio che ha sede in provincia di Novara. Dal trofeo Laigueglia BIS avrà anche un importante e visibile spazio sulle nostre maglie da corsa by Soullimit. Detto questo mi allaccio alle parole di Roberto (Gaggioli), credevamo tutti che la trasferta in Calabria ci avrebbe regalato più soddisfazioni – spiega Fanini – la speranza era quella di cogliere un risultato importante con Metlushenko ma il nostro velocista ha dimostrato di non essere al top e poi, con un Petacchi in queste condizioni, non ci può essere storia. Inoltre anche gli altri ragazzi si sono dimostrati molto indietro di preparazione (eccezion fatta per il polacco Dabrowski ed il russo Borisov) e senza squadra nel ciclismo di oggi non si va da nessuna parte. Siamo tornati a casa con un settimo posto (di Metlushenko) nell’ultima frazione del Giro, con una bella fuga di Borisov che ha caratterizzato invece la prima frazione e con la vittoria della classifica generale dei traguardi volanti da parte dell’ucraino Grechyn. Come dicevo siamo rimasti un po’ delusi nelle aspettative ma tutto sommato come prima corsa va bene così. Adesso tutti nuovamente in ritiro dove i ragazzi si alleneranno bene e mi aspetto di vedere un salto di qualità complessivo già dalla prossima corsa”.

    TORNA ALL'ARCHIVIO NEWS
 
 
 
 
P.iva 02254630466
 
Torna alla Home Page