Team
  Storia
  Store
  Photo Gallery
  Campioni
  Area Download
  Sponsor
  Press Room
  Archivio News
  Contatto
  Kid's Room
NEWS
 
  NEWS
 
 

C’è da raggiungere e superare il risultato dello scorso anno quando le vittorie complessivamente, tra strada e gimkana, furono 30. Per il Gs Montenero 1926 Mamma e Papà Fanini è già tempo di un primo bilancio stagionale con i numeri che stanno dalla parte del team giallonero essendo giunti già a quota 19.
Mattia Bevilacqua ha mantenuto il trend del 2005, collezionando sino a questo momento 15 affermazioni su altrettante gare in linea disputate. E’ l’atleta da battere nella categoria G2 (otto anni)  in tutta la Toscana. A poco sono valse sino a questo momento tattiche avversarie volte in talune occasioni a rendergli la vita difficile. Lui, studiata la situazione, trova la soluzione e poi colpisce. Arrivando sempre solitario perché l’ultimo giro recita sempre la sua legge.  Campione provinciale di gimkana ma anche vincitore al Meeting regionale giovanissimi che si è tenuto proprio a Livorno il 2 luglio con l’organizzazione curata dalla stessa società labronica con il decisivo contributo del Comune di Livorno festeggiando così i 400 anni della città e gli 80 del sodalizio. Occasione in cui tra l’altro il Gs Montenero 1926 Mamma e Papà Fanini ha aiutato l’Unicef sezione di Livorno a raccogliere 361 euro come contributo per una scuola in Angola grazie alla maglia con la quale Paolo Bettini (non arrivato nel capoluogo a salutare come avrebbe voluto a causa di precedenti e inderogabili impegni) ha vinto a Gorizia la corsa che gli ha dato la seconda maglia tricolore. Per lo sponsor di riferimento Ivano Fanini, quando si parla di Bevilacqua spunta il sole. “Sarà per il cognome, ma un Bevilacqua che vince dopo il famoso corridore degli anni ’40 e ’50 mi fa un po’ effetto. Quello seppe fare sue 11 tappe al Giro, così come un campionato italiano, una Roubaix, un bronzo mondiale strada, e titoli italiani e iridati su pista. Mattia è un campioncino che nella società livornese grazie ai direttori sportivi Lemmi, Brondi e Spadoni ha tutte le premesse per continuare a crescere. Un ambiente dove è vietato montarsi la testa e dove i valori dello sport sono rimasti quelli di una volta, dove per saper vincere prima di tutto bisogna imparare a perdere, specialmente man mano che si avanza di categoria e certe superiorità possono svanire. Sono ragazzi e lo sviluppo psicomotorio non arriva per tutti nel solito momento. Lo sport fa bene per la socializzazione e il risultato anche se fa piacere, viene dopo. Le ultime uscite istituzionali del Gs Montenero 1926 Mamma e Papà Fanini hanno contribuito a far crescere la stima sulla piazza al punto che si ventila la possibilità che il ciclismo entri pure nelle iniziative collaterali al prossimo Trofeo Accademia Navale. E’ proprio questo disegno globale in continua crescita voluto dal presidente e dai dirigenti che mi ha fatto avvicinare alla Livorno del pedale, dopo tanti anni di sola gestione professionistica, stimolato ora a cercare anche corridori del futuro come seppi fare con Tafi, Bartoli, Cipollini, Sorensen, tanto per citare solo alcuni esempi. Gente che con me ha iniziato a correre o che io ho valorizzato”. Fanini guarda Bevilacqua ma si tiene informato su tutti quanti gli altri. Da Marco Mansani, una vittoria e altri piazzamenti (categoria G1 sette anni), a Jacopo Lombardi (quattro volte piazzato ed una vittoria in gimkana) e Francesco Carrieri (due quinti per lui) nei G3; le qualità esplosive di Gian Riccardo Rosselli  (un alloro in gimkana e tre piazzati strada) e il piccolo diesel Lorenzo Pappalardo  nei G4. Risultati incoraggianti e coppe anche nei G5 con Bastoni e Merku in attesa di un exploit di Cappelli ma anche nei G6 con Cicero che negli ultimi due anni ha fatto passi da gigante. C’è anche il reparto infortunati con Bagnoli e Rossi che a breve dovrebbero rientrare e quello delle nuove leve in attesa di trovare proprietà del mezzo a due ruote prima di debuttare ufficialmente. Siamo complessivamente a quindici. Non pochi, nell’attesa dell’impianto che nella prossima primavera dovrebbe sorgere a Stagno e che potrebbe contribuire a dare ulteriore impulso a questo sport. Intanto, chi volesse informazioni sull’attività e prendere contatti e provare a diventare un ciclista in erba può visitare il sito www.gsmontenero.it  

    TORNA ALL'ARCHIVIO NEWS
 
 
 
 
P.iva 02254630466
 
Torna alla Home Page